HISTORY  OF  A  SILVER  MEDAL

 

1913:  From Keokuk to Fiume

2004:  From Genoa to Keokuk

 

 

Siamo orgogliosi di mostrare, del nostro concittadino Rodolfo Decleva jr., la foto di una medaglia d'argento al  merito del lavoro,  ottenuta negli U.S.A. dal proprio padre, sul principio del secolo scorso.  Congratulandoci vivamente, invitiamo tutti a leggere il file.

 

 

THE  DONATION  CEREMONY

AT  THE  MILLER  HOUSE AND MUSEUM

 

Keokuk, March 22 2004

 

    Keokuk Daily Gate City - 7KHQA Keokuk

(article by Cindy Iutzi)

 

Hannibal Quincy TV News

   WGEM Channel 10 TV Quincy, Illinois

 

Con successiva traduzione in italiano:

 

WHO WAS RODOLFO (RUDY) DECLEVA

 

Rudy was born in the year 1885 January 1st in Fiume (60,000 inhabitants) belonging to Austria-Hungary but he was of Italian language and culture, likewise the majority of Fiume population.

 

Austria-Hungary Empire was at that time enjoying 40 years of peace and was formed by peoples of many different nationalities.

 

His Father Biagio was a severe parent for his 5 sons and daughters: Albert, Rudy, Raffaella, Fanny and Amelia, and they lived in the centre of the town of Fiume in a two floor house of his own property.

 

Fiume was a portal town with several industries such as the Torpedo Factory, owned by an englishman Eng. John Whitehead, oil refinery plant, shipbuilding dockyard, mechanical workshops, etc. so that work was not missing in that town.

 

Nevertheless Albert and Rudy both preferred to embark themselves as seamen in the passenger ships that connected Fiume with other countries and Albert   – when touching the port of New York – was attracted by the way of life of  the new Continent and took the opportunity to disembark.

 

His first contact with the American people was not so difficult as for other immigrants because he was coming from a place industrially advanced and he himself was well inclined to understand English because Fiume was a place where three different human races (latins, central europeans and slaves) were cohabitating so that he was able to speak - beyond his italian motherland language - also croatish, german and hungarian.

 

Albert initiated his American new life and asserted himself as a mechanic and fixed his activity in Kansas City, Missouri where he married Calina and from that union Nadine, Helen, Mary and Albert were born and the dynasty continues with the families Albert and Dorothy DeCleva, Eddie and Elaine DeCleva, Mary DeCleva Manzo, Joe and Nadine La Bella, John and Helen Azzaro, Mark and Jeanne Misenhelter, and their daughters Michelle and Jodi Misenhelter.

 

In the year 1906 Albert called to come to him his brother Rudy, who was embarked as seaman in the S.S. “Slavonia”, a British passenger ship connecting Liverpool to New York, and so Rudy reached the brother in Kansas City. 

 

Rudy was enthusiastic of the new reality found in America, but some time after -having in his blood the vocation of the seaman - he felt very much the missing of

the sea and therefore he reverted to navigate.

 

Yet Rudy returns again to America, where he resides for some time, and in the year 1909 we find him in New York embarked on the same British liner S.S. “Slavonia” with destination to Fiume.

 

The Captain of the ship certificates on June 12th 1909 Rudy's characters as follows:  Character for Conduct: GOOD; Character for Ability: GOOD.

 

Two years later Rudy is again in USA residing in the State of Illinois where in the County of Will he subscribes and sworns before the Deputy Clerk a Declaration of Intention to become a citizen of the United States of America.

 

He declares that “he emigrated in 1906 to the United States of America from Fiume, Austria, on the vessel “Slavonia” and that was his bona fide intention to renounce forever all allegiance and fidelity to any foreign prince, potentiate, state or sovereignty, and particularly to Francis Joseph, Emperor of Austria and Apostolic King of Hungary”.

 

In the year 1910 works of the largest hydro-electricity plant in the world begin and Rudy comes from Jolliet, Illinois to Keokuk, Iowa to be a protagonist of that splendid adventure: the building of the “U.S. Lock and Dam 19” concerning a 200,000 Horse Power Hydro Electric Plant!

 

My Father told me that the life of the workers was very discomfortable and full of sacrifices.

 

For example, the cohabitation among peoples of different nationality and culture is not easy, lodgings are precarious, and in winter they have to wash themselves by frozen water or snow.

 

Nevertheless all people work in harmony and friendship to reach the Keokuk common goal that will remain "in aeternum" as part of the human progress.

 

The songs that workers sing more frequently are: "By the light of the silvery moon", "You have no bananas, no more”, “Glory, Alleluja".

 

The construction ends in 1913 and Rudy is given the personal Silver Medal “present for his meritorious work by Hugh L. Cooper , Chief Engineer of the Mississippi River Power Co”.

 

Rudy has won a new challenge; he forgets his demand to get the American citizenship, that has a validity of seven years, and now he has a sole wish: to go back to Fiume with the aim to demonstrate to his Mother Helen and his Father Biagio his value and the American award.

 

Unfortunately and suddenly – few months after - in the year 1914 the first World War breaks out and Rudy is unpossibilitated to go back to the States: he now is obliged to serve the Austrian army and we see him photographed with the Austrian uniform in Trieste.

 

In 1918 the first World War ends and consequently the belonging of Fiume is disputed between Italy and Yugoslavia, the new State formed after the defeat of the Austro-Hungarian Empire.

 

It is important to remember that Fiume was not belonging administratively from Austria but from Hungary as "Corpus Separatum Adnessum to the Holy Crown of Hungary" enjoying of a special authonom Constitution created by an Edict of Maria Theresiae in the year 1779.

 

This is the reason why Fiume was declared in 1920 Independent State by the League of Nations under the Presidence of Riccardo Zanella, but it was not possible to carry out the Constitution of the new State owing to the difficulties created both from Italian or Jugoslave part.

 

Finally in 1924 Italy and Jugoslavia agreed that Fiume be annexed to Italy              - abolishing the Independent State - and so Rudy became Italian citizen.

 

In 1928 Rudy married Maria Slosar and three sons were born from that union: Rudi Jr., Alberto, and Mario.

 

Rudy blessed always his American experience and teached his family to love America and Americans and always he was very proud to remember his American working period in the States and to show everyone his Silver Medal.

 

The Italian sovereinty over Fiume lasted only 20 years, when Germany in 1943 annexed Fiume in the “Adriatisches Kuestenland” (German sovereinty) and the terrible destiny of the Independent State of Fiume - created in 1920 by the League of Nations – arrived to the end when the town was occupied in 1945 by the Yugoslavian communist troops of  Marshal Tito.

 

The name of the town was changed in Rijeka and the terror - jointed to the ethnical cleansing - oriented to chase away the Italian population from those disputed lands, forced Rudy to abandon Fiume with his whole family and repair to Italy as a refugee, likewise other 350,000 people of Italian nationality.

  

Rudy was very proud to have got from the Lord three sons but today the DeCleva dynasty is looking to go to the end because no male descendants are foreseen from his grandsons and nieces.

 

Therefore Rudi Jr., Albert and Mario – Rudy’s sons – have decided to donate the Silver Medal to the Municipality of Keokuk, Iowa, to be conserved to eternity in its City Museum, jointed to the other meritorious Workers’ Memories who realized that memorable opera.

 

After 90 years the Medal reverts to the place where it was born.

 

When Rudy senior died in Genoa, Italy in 1978 at the age of 93, a Genoese poetress Annalia De Marini wrote for him the attached poetry to underline the strong character of the Personage, realized also thanks to his Keokuk splendid experience.

 

GOD BLESS AMERICA AND ITALY. 

 

Written in Genoa, Italy  on February 04th 2004

and presented in person by Rudi Decleva Jr.on March 22, 2004

to the Samuel F. Miller House and Museum in  Keokuk, Iowa

 

[I versi della poetessa De Marini sono pubblicati nella directory POESIA. N.d.R.].

 

 

 

STORIA DI UNA MEDAGLIA

D’ARGENTO

1913:  da  Keokuk  a Fiume

2004:  da  Genova  a  Keokuk

 

 

LA CERIMONIA DELLA DONAZIONE

ALLA CASA MUSEO   “SAMUEL  F. MILLER”

 

Keokuk, 22 Marzo 2004

 

    Keokuk Daily Gate City - 7KHQA Keokuk

(article by Cindy Iutzi)

 

     7 KHQA Keokuk Hannibal Quincy  (TV News)

WGEM Channel 10 TV Quincy, Illinois

 

Traduzione a cura di Rodolfo (Rudi Jr.) Decleva

 

CHI ERA RODOLFO (Rudy Senior) DECLEVA

 

Rudy nacque il 1° Gennaio 1885 a Fiume (60.000 abitanti), appartenente all’Austria-Ungheria, ma egli era di lingua e cultura italiana, come la maggioranza della  popolazione di Fiume.

.

L’Impero Austro-Ungarico godeva a quel tempo 40 anni di pace ed era formato da popoli di molte differenti nazionalità. 

 

Suo Padre Biagio era un severo genitore per i suoi 5 figli e figlie: Alberto, Rudy, Raffaella, Fanny e Amelia, ed essi vivevano nel centro della città di Fiume in una casa a due piani, di loro proprietà.

 

Fiume era una città portuale con molte industrie quali il Silurificio, proprietà del  cittadino inglese Ing. John Whitehead, raffineria di oli minerali, cantiere navale, officine meccaniche, ecc. per cui il lavoro non mancava in quella città.

 

Ciononostante, Alberto e Rudy  preferirono entrambi di imbarcarsi come marinai nelle navi passeggeri che collegavano Fiume con altri Paesi, e Alberto – quando la sua nave tocco’ il porto di New York – fu attratto dal tipo di vita del nuovo Continente e colse l’occasione per sbarcare.

 

Il suo primo contatto con il popolo americano non fu così difficile come per altri immigranti perchè egli arrivava da un posto industrialmente sviluppato ed egli stesso era molto ben portato all’apprendimento dell’inglese perchè Fiume era una città dove convivevano tre differenti razze umane (latini, centro europei e slavi) per cui egli era in grado di parlare – oltre alla sua madrelingua  italiana – pure il croato, tedesco e ungherese.

 

Alberto iniziò la sua nuova vita americana affermandosi come meccanico e fissò la sua attività a Kansas City, Missouri dove sposò Calina e da quella unione nacquero Nadine, Albert, Helen e Mary; e la dinastia continua con le famiglie Alberto e Dorothy De Cleva, Eddie e Elaine De Cleva, Mary De Cleva Manzo, Joe e Nadine La Bella, John e Helen Azzaro, Mark e Jeanne Misenhelter con le loro figlie Michelle e Jodi Misenhelter.

 

Nell’anno 1906 Alberto chiamò da lui il fratello Rudy, che era imbarcato come marinaio sul piroscafo “Slavonia”, una nave passeggeri inglese che collegava Liverpool con New York, e così Rudy raggiunse il fratello a Kansas City.

 

Rudy fu entusiasta della nuova realtà trovata in America, ma alcuni anni dopo – avendo nel suo sangue la vocazione del marittimo – egli sentì molto la mancanza del mare e perciò riprese a navigare.

 

Egli comunque ritorna di nuovo in America, dove risiede per qualche tempo, e nell’anno 1909 noi lo troviamo imbarcato a New York sulla stessa nave inglese “Slavonia” con destinazione Fiume.

 

Il Capitano della nave certificava il 12 Giugno 1909 le sue note di qualifica come segue:  Condotta: BUONO;  Abilità: BUONO.

 

Due anni più tardi Rudy è di nuovo in America e riesiede nello Stato di Illinois dove nella Contea di Will egli sottoscrive e giura di fronte al Deputy Clerk una Dichiarazione di Intenzioni per divenire un cittadino degli Stati Uniti d’America.

 

Egli dichiara che "emigrò nel 1906 negli Stati Uniti d’America da Fiume, Austria  sul piroscafo “Slavonia” e che era sua buona e sincera intenzione di rinunciare per sempre ogni obbedienza e fedeltà a qualsiasi regnante estero, potenza, Stato o sovranità, e particolarmente a Francesco Giuseppe, Imperatore d’Austria e Re Apostolico di Ungheria”.

 

Nel 1910 hanno inizio i lavori del più grande impianto idro-elettrico del mondo e Rudy arriva a Keokuk, Iowa  da Jolliet, Illinois per essere un protagonista di quella splendida avventura: la costruzione della “Chiusa e della Diga 19” riguardante un impianto da 200.000 HP.

 

Mio Padre mi raccontava che la vita dei lavoratori era molto dura e piena di sacrifici.

 

Per esempio, la coabitazione tra popoli di differenti nazionalità e cultura non era facile, le abitazioni erano precarie, e in inverno capitava che dovessero lavarsi con il ghiaccio e la neve.

 

Ciononostante tutti lavoravano in armonia e amicizia per raggiungere il comune obiettivo che doveva restare in eterno come parte del progresso umano. 

 

Le canzoni che cantavano erano: “By the light of the silvery moon", "You have no bananas, no more”,  “Glory, Alleluja".

 

La costruzione termina nel 1913 e a Rudy è consegnata una Medaglia d’argento personalizzata per il suo lavoro meritorio dall’Ing. Hugh L. Cooper, Capo Ingegnere della società costruttrice Mississippi River Power Co.

 

 

Rudy ha vinto una nuova sfida; egli dimentica la sua domanda di ottenere la cittadinanza americana, che ha una validità di sette anni, ed ora ha un solo desiderio: tornare a Fiume per dimostrare a sua madre Elena e a suo padre Biagio il suo valore e la Medaglia d’argento americana a lui intestata.

Sfortunatamente e improvvisamente – dopo alcuni mesi – nell’anno 1914, scoppia la prima Guerra Mondiale e Rudy si trova nella impossibilità di tornare nuovamente in America: ora egli  è obbligato a servire nell’esercito austriaco e lo vediamo fotografato a Trieste con l’uniforme austriaca.

 

Nel 1918 la prima Guerra Mondiale termina e conseguentemente l’appartenenza di Fiume è contesa  tra Italia e Jugoslavia, il nuovo Stato formato dopo la sconfitta dell’Impero Austro-Ungarico.

 

E’ importante ricordare che Fiume amministrativamente non dipendeva dall’Austria, ma dall’Ungheria  in quanto “Corpo Separato Annesso alla Sacra Corona di Ungheria”  e godente di uno speciale Statuto concessole con un Editto da  Maria Teresa nell’anno 1779.

 

Questa è la ragione perchè Fiume nel 1920 fu dichiarata Stato Indipendente dalla Società delle Nazioni sotto la Presidenza di Riccardo Zanella, ma non fu possibile approvare la Costituzione del nuovo Stato a causa delle difficoltà create sia da parte italiana che da parte jugoslava.

 

Alla fine, nel 1924 Italia e Jugoslavia si accordarono – abolendo lo Stato Indipendente - che Fiume venga annessa all’Italia, e così Rudy divenne cittadino italiano.

 

Nel 1928 Rudy sposò Maria Slosar e da quella unione nacquero tre figli : Rudi, Alberto e Mario.

 

Rudy ha sempre benedetto la sua esperienza americana e insegnato alla sua famiglia ad amare l’America e gli Americani ed è sempre stato orgoglioso di ricordare il suo periodo di lavoro negli States e di mostrare a tutti la sua Medaglia d’argento.

 

La sovranità italiana su Fiume durò solo 20 anni quando la Germania nel 1943 annette’ Fiume nel   “Adriatisches Kuestenland”  (Litorale Adriatico germanico) ed il terribile destino dello Stato Indipendente di Fiume – creato nel 1920 dalla Società delle Nazioni – arrivò alla fine quando la città fu occupata nel 1945 dalle truppe comuniste del Maresciallo Tito.

 

Il nome della città fu cambiato in Rijeka ed il terrore – unito alla pulizia etnica – orientato a cacciare la popolazione italiana da quelle terrre contese costrinse Rudy ad abbandonare Fiume con tutta la sua famiglia e riparare in Italia come profugo, similmente ad altre 350.000 persone di nazionalità italiana.

Rudy era molto orgoglioso di aver avuto dal Signore tre figli maschi, ma oggi la dinastia dei Decleva sembra  andare verso la fine perchè non sono previsti discendenti maschi dai suoi nipoti .

 

Perciò Rudi Junior, Alberto e Mario – figli di Rudy – hanno deciso di donare la Medaglia alla Municipalità di Keokuk, Jowa perchè sia conservata in eterno nel suo Museo cittadino, accanto agli altri meritori ricordi dei Lavoratori che realizzarono quella memorabile opera.

 

Dopo 90 anni la Medaglia ritorna al posto dove era nata. 

 

Quando Rudy senior morì a Genova nel 1978 all’età di 93 anni, la poetessa genovese Annalia De Marini scrisse per lui la allegata poesia per sottolineare il carattere forte del personaggio, formatosi  anche grazie alla sua splendida esperienza di Keokuk.

 

CHE  DIO  PROTEGGA L’AMERICA E L’ITALIA.

 

(Scritto  in Genova il 04 Febbraio 2004 e presentato personalmente da Rudi Decleva Jr. il 22 Marzo 2004 alla Miller House and Museum di  Keokuk, Iowa).

 

[I versi della poetessa De Marini sono pubblicati nella directory POESIA. N.d.R.].

 

 

 

 

Traduzione dell’articolo apparso sul quotidiano Daily Gate City di Keokuk del  23.03.2004 

 

MEDAGLIA DI UN LAVORATORE RITORNA A KEOKUK GRAZIE ALLA GENEROSITA’ DEL FIGLIO

(a cura di Cindy Iutzi)

 

In un vero esempio di “ciò che va’, poi torna” , un grande onore è stato riservato a Keokuk Lunedì .

 

Il figlio di un uomo, che aveva lavorato alla costruzione della diga di Keokuk, ha viaggiato da Genova, Italia, al Museo Miller a Keokuk ed ha presentato un pezzo di valore storico per essere conservato nella città dove aveva avuto origine.

 

Rudi Decleva, figlio di Rudy Decleva, ha portato la Medaglia d’argento - che era stata consegnata a suo padre da Hugh Cooper, Capo Ingegnere della diga di Keokuk - a Ed Kiedaisch, Presidente della Società Storica della Contea di Lee.

 

Da una parte la Medaglia riporta:   “Presente per il suo Meritorio Lavoro a Rudy Decleva, da Hugh L. Cooper, Capo Ingegnere della Mississippi Power Company”.

 

L’altro verso della Medaglia riproduce una completa riproduzione della diga e dell’impianto idroelettrico con la seguente descrizione: “Impianto Idroelettrico di 200.000 cavalli vapore; Keokuk, Iowa, 1910-1913.

 

La Medaglia è stata conservata con grande affetto da Decleva e la sua famiglia per molti anni fino a quando hanno preso la decisione che la Medaglia poteva appartenere a Keokuk.

 

“Il tempo passa per tutti – ha detto Decleva – tutti insieme abbiamo deciso che la cosa migliore da fare era donare la  Medaglia alla città di Keokuk, perchè sia conservata alla Miller House Museum“.

 

Decleva ha detto di essere sicuro che suo padre approva la decisione ed ha aggiunto  “... sento che mio padre ci guarda; guardate che bellissima giornata di sole che egli  ci ha riservato”.

 

Il Sindaco di Keokuk David Gudgel ha risposto al dono di Decleva con i simboli della gratitudine della cittadinanza: egli ha dato a Decleva la Chiave della Città, un paniere contenente ceramiche di Keokuk, una litografia in inchiostro della città, altri articoli di Keokuk ed un Certificato di Benemerenza.

 

“Sono profondamente commosso della vostra accoglienza – ha detto Decleva – credevo di venire a darvi  e invece sto ricevendo documenti e meriti così significativi”.

Kiedaisch ha ringraziato Decleva per il dono della Medaglia ed ha detto: “La diga è importante; credo che noi non abbiamo mai visto una Medaglia come questa e voi siete la persona più vicina a qualcuno che abbia lavorato sulla diga a cui noi abbiamo potuto parlare. E’ meraviglioso”.

 

Decleva ha fatto un giro sull’impianto e sulla diga, ma prima della visita Kiedaisch gli ha detto che la struttura è una pietra miliare dell’ingegneria civile con varie attrezzature originali tuttora funzionanti nell’attività quotidiana dell’impianto.

 

Kiedaisch ha detto a Decleva che egli avrebbe “camminato su di un museo vivente durante la sua visita” aggiungendo “E’ la più efficiente diga idroelettrica al mondo malgrado i suoi 90 anni”.

 

Rudi Decleva ha lasciato Genova per gli Stati Uniti il 16 Marzo volando a Parigi, da Parigi a New York, da New York a Cincinnati, e poi a Kansas City e Keokuk.

 

Decleva ha detto “Ho visto cugini e parenti che non avevo mai visto prima”.

 

Suo padre, Rudy Decleva, è nato nel 1885 a Fiume, Austria Ungheria. Come la maggioranza dei 60.000 residenti egli era italiano. Marinaio, egli visitò più volte suo fratello Alberto a Kansas City, Missouri, e alla fine decise nel 1910 che egli pure si sarebbe stabilito negli Stati Uniti, e più precisamente a Jolliet, Illinois.

 

Rudy ha udito del grande progetto idroelettrico a Keokuk, il più grande al mondo, ed è diventato una parte delle maestranze della costruzione. Egli ha sofferto il freddo ed i sacrifici di un comfort precario durante i 29 mesi dei lavori.

 

“Per esempio la convivenza tra gente di differenti nazionalità e culture non è stata facile, gli alloggi erano precari, e d’inverno essi dovevano lavarsi con l’acqua gelata o con la neve” ha detto Rudi Decleva che suo padre gli aveva raccontato.

 

Quando la costruzione della Diga e del Bacino 19 fu completata nel 1913, Cooper diede la Medaglia a Decleva “per il suo lavoro meritorio”.

 

“Orgoglioso del risultato conseguito e con la Medaglia a testimoniarlo, Decleva ha viaggiato di nuovo a Fiume per dimostrare a sua madre Elena e a suo padre Biagio il suo valore ed il premio americano” ha detto Decleva.

 

Subito dopo il ritorno di Rudy a Fiume nel 1914 scoppiò la I Guerra Mondiale ed egli fu obbligato a servire l’Esercito Austriaco.

 

Dopo la fine della guerra nel 1918, Fiume fu un luogo di disputa tra diverse Nazioni finché nel 1924 Italia e Jugoslavia si accordarono che Fiume diventasse parte dell’Italia.

Rudy si sposò nel 1928 ed ebbe 3 figli :  Rudi, Alberto e Mario.

 

“Rudy ha sempre benedetto la sua esperienza americana  ed ha insegnato alla sua famiglia di amare l’America e gli americani - ha detto Decleva – Egli è stato molto orgoglioso di ricordare il suo periodo di lavoro negli States e di mostrare ad ognuno la sua Medaglia d’argento”.

 

Nel 1943 la Germania ha annesso Fiume e la città fu occupata nel 1945 dalle truppe jugoslave comuniste guidate da Tito. Il nome della città fu cambiato, la pulizia etnica fu diretta a cacciare la popolazione italiana, e Rudy e la sua famiglia ripararono in Italia.

 

Egli morì nel 1978 all’età di 93 anni.

 

Sistemati a Genova, i figli di Rudy hanno deciso di donare la Medaglia a Keokuk “per essere conservata per l’eternità nel suo Museo cittadino” dato che il nome dei Decleva sta andando alla fine non essendo previsti discendenti maschi da parte dei nipoti di Rudy.

 

La Medaglia probabilmente sarà esposta nel secondo piano della Miller House Museum insieme ad altri oggetti e fotografie della costruzione della diga, in accordo con Doug Atterberg, Tesoriere e Storico della Società di Storia.

 

__________

 

(*)  Daily Gate City: Achives;  Community on line

http://www.dailygate.com/articles/2004/03/23/news

 

Servizio TV del 23 Marzo 2004 a cura di Jillyn Shoemaker (*)

 

 

ITALIANO DONA LA MEDAGLIA DEL PADRE

A  KEOKUK

 

 

Quando il bacino e la diga di Keokuk furono costruiti 90 anni fà, essi erano considerati uno dei più grandi progetti al mondo, tanto grande che a tutti coloro che vi lavorarono fu data una Medaglia.

 

Il padre di Rudi Decleva Jr. fu uno degli uomini che aiutarono la costruzione dell’impianto idroelettrico.

 

L’italiano è arrivato negli Stati Uniti per visitare i suoi parenti e portare alla città di Keokuk la Medaglia di suo padre.

 

Decleva ha detto che è una grande impresa onorare suo padre e conservare viva la sua storia.

 

“Mio padre era molto orgoglioso della sua Medaglia; egli aveva molte belle cose da ricordare ma la più cara a lui è stata la Medaglia che egli aveva ricevuto qui a Keokuk” ha detto Rudi.

 

Decleva e i suoi parenti sono stati portati ad uno speciale giro del bacino, della diga e dell’impianto idroelettrico.

 

La Medaglia sarà esposta al Miller House and Museum nella Quinta Strada Nord di Keokuk.

 

__________

 

(*)     http://www.khqa.com/home/headlines/663591.html    3/22/2004          

 

 

 

 

B A S E                         H  O M E

 

S P A Z I O    F I U M E