RODOLFO DECLEVA

 

 

I poveri monfalconesi a Fiume

 

 

Monfalcone: Cantieri navali.                       Fiume: vecchio Silurificio Whitehand

 

In questi giorni de Ottobre ricorre i 50 anni che Trieste la xe ritornada alla Italia e in television i gà fatto molte interviste per far veder la gioia dei triestini.

Un omo de cultura triestin - me par che el se ciama Maranzana – el ga detto che quando che i titini i xe andadi via de Trieste dopo i 43 giorni de barbarie e foibe, quel giorno el xe stado el più bel che mai Trieste gabi potudo celebrar la sua gioia e dimostrar el suo amor per la Italia.

El Maranzana el gà contado che quella volta lui gaveva un undese anni e che un vecetto col baston – che el stava in piedi e che el respirava per miracolo – el ghe gà detto in Piazza della Unità d’Italia de zigar per lui che nol gaveva voze “Viva l’Italia”.

Naturalmente che anca un comunista de quei tempi el xe stado intervistado e come al solito el gà volesto far capir che “anca lori i era perchè Trieste la tornassi alla Italia”, ma ben presto i lo gà fatto star zitto.

Basta ricordar – per non dimenticar – che el Togliatti in una lettera del 19 Ottobre 1944 el gaveva scritto che “ in tutti i modi dobbiamo favorire l’occupazione della regione giuliana da parte delle truppe di Tito: ciò significa che in questa regione non vi sarà nè un’occupazione inglese nè una restaurazione dell’amministrazione reazionaria italiana”.

Purtroppo per 60 anni la italianità delle nostre città, el nostro esodo, le foibe le xe stade ignorade, ma grazie a Dio adesso gavemo el 10 Febbraio la “Giornata del Ricordo” e ai Famigliari dei Infobadi ghe xe stada riconossuda una Medaja a titolo onorifico: così questa Italia matrigna la se stà fazendo perdonar.

Ma non basta: el Presidente Ciampi el gà anca disposto la Medaja de Oro ai Parenti dei poveri Caduti per Trieste italiana del 5 e del 6 Novembre 1953, morti ammazzadi dalla Polizia Civile nei scontri che i era nati perchè la gente non la voleva el inganno del Territorio Libero e la se gaveva stufado de esser usada come scambio tra Est e Ovest.

Le cronache de quei anni de sangue, le riporta queste memorie:

“Il 4 Novembre 1953 viene celebrato a Redipuglia l’Anniversario della Vittoria: migliaia di triestini acclamano il Presidente del Consiglio On. Pella invocando il ritorno di Trieste all’Italia.

Al rientro in città, il Nucleo Mobile della Polizia Civile disperde i Partecipanti reduci da Redipuglia, che avevano tentato di issare il Tricolore sul Palazzo Municipale, tolto il giorno prima per ordine del Gen. John Winterton.”

“Il 5 Novembre, nei pressi della Chiesa S. Antonio Taumaturgo, il nucleo Mobile della Polizia Civile – composto in maggioranza da sloveni - carica un gruppo di manifestanti ed invade la chiesa sconsacrandola.

Nel pomeriggio, durante la cerimonia della riconsacrazione, il Nucleo Mobile spara sulla folla e cadono feriti a morte il pensionato Antonio ZAVADIL e lo studente quindicenne Piero ADDOBBATI”.

Il Dottor Addobbati – che al Pronto Soccorso dell’Ospedale cura i feriti – si avvicina al giovane morto – che è sconosciuto perchè senza documenti - e lo riconosce per il proprio figliolo.”

“Il 6 Novembre viene proclamato lo sciopero generale.

I Manifestanti assaltano la sede del Territorio Libero Triestino e chiedono nuovamente l’esposizione del Tricolore sul Palazzo Municipale.

Raggiunta Piazza dell’Unità d’Italia, la cittadinanza viene caricata dal Nucleo Mobile della Polizia Civile, che apre il fuoco contro i dimostranti.

Restano a terra uccisi: lo studente universitario Francesco PAGLIA, Saverio MONTANO, il sedicenne Leonardo MANZI e il marittimo Erminio BASSA.

I feriti  negli scontri furono 146.”

Mentre che oggi – nel 2004 -  Trieste la vive questo clima de grando patriottismo con molte manifestazioni, tra cui una Mostra storica sui profughi istriani e fiumani del dopoguerra,  e vien ricordadi i anni del Territorio Libero triestin con la Zona A, amministrada dai Alleati, e la Zona B, amministrada dai Titini e sacrificada, non xe mancado gnanca questo anno el ricordo del scontro che se gaveva verificato tra el Tito e Mosca nel 1948, quando che la Jugoslavia la se gaveva tirado fora del Cominform, che el era la organizzazion del Comunismo Internazional.

E così xe vegnuda fora la question dei poveri monfalconesi – un duemila de lori – che i era andadi a Fiume e a Pola per sostituirse ai profughi.

Siccome che questi quà i era Stalinisti, i era stadi presi in contropiede dalla incredibile baruffa tra i due Padri comunisti, e lori i se gaveva schierado subito dalla parte de Mosca e così Tito te li gà ciappado e te li gà smaccadi in Campo de conzentramento in due isole vizin de Veglia, davanti de Segna, che le se ciama Goli Otok (Isola Calva) e Sveti Grgur (San Gregorio).

 

Goli Otok

 

Questi cristi de monfalconesi i gà provado sulla loro pelle cossa che voleva dir la libertà e la democrazia de Tito, quella che lori i gaveva ineggiado vegnindo a Fiume.

E adesso tanti giornai i scrive de lori – poveretti – come che i sarìa dei eroi, ma nesun scrive che questa gente la xe vegnuda a Fiume per far el contro-esodo e dimostrar che noi sbagliavimo a lassar el paradiso dei lavoratori che era la nova Jugoslavia del Tito.

‘Sti monfalconesi i era comunisti coi oci fodradi de persuto, che i ne zigava fascisti che scampavimo via della giustizia del Popolo, perchè chissà quai crimini gavevimo commesso.

E così lori – con ‘sta manovra bugiarda e propagandistica – i ne pugnalava alla schena mentre con el cor in tocchi lassavimo piangendo la nostra terra e i nostri morti.

I nostri Veci i lassava per sempre tutti i sacrifici de una vita e tutti i diritti scegliendo de andar in tei Campi Profughi, e de esser spudadi a Bologna, Ancona e Venezia, mentre che essi - i monfalconesi - i andava trionfalmente nelle nostre fabbriche e nelle nostre città.

E Dio li gà castigadi per quel gesto de disprezzo e fango che i ne gà buttado adosso.

Scriver libri e articoli, o farghe interviste per farli passar come vittime del regime comunista del Tito non stà in piedi perchè lori i sapeva già prima de partir de Monfalcon cossa che era el comunismo stalinista o titino, la dittatura che questo sistema rappresentava, el terror, la eliminazione dei questurini, finanzieri e dei autonomisti fiumani, le foibe del 1943 e del 1945 a guerra finida, el sfruttamento dei lavoratori in URSS, e così via.

I profughi polesani. fiumani, dalmati e istriani lori i li vedeva passar come in procession perchè a Monfalcon era la nostra porta de ingresso in Italia, e le notizie della nostra tragedia, lori i le gaveva de prima man anca se non le vegniva scritte sui giornai.

Lori però i gà fatto el calcolo che – pur diventando jugoslavi -  i podeva beccarse un bel lavor con avanzamento de carriera, e magari una bella villetta a Volosca o Abbazia che adesso le era abbandonade dai profughi.

Purtroppo ghe xe andado mal.

Mi gò sempre scritto che in Italia gavemo trovado tanta gente bona che ne gà aiutado, e per questo penso che i monfalconesi – per colpa de quella minoranza de comunisti sfegatadi – i se gà fatto una cattiva immagine visavi’  dei profughi de Fiume e de Pola, che de sicuro non gavemo dimenticado quel gesto de vigliaccheria.

Non sarìa ben che la Intellighenzia che guida la Famiglia profuga la se rivolgi  al Sindaco de Monfalcon per dirghe che el ne domandi scusa?

Quella ferida del cortel a tradimento nella nostra schena, finalmente la se rimarginerìa.

E già che ghe semo, scusa ne poderia domandar anca la Croazia per come che civilmente gavemo accetado la nostra croze inveze de buttarghe bombe come che i gà fatto i palestinesi con Israele, o i ceceni col russo.

Anca là tutto gà scominzià nel 1947: noi erimo in 350.000 e i palestinesi quella volta in 700.000.

Xe passadi 60 anni: israeliani e palestinesi i se scanna, e così in Cecenia e non i vede el futuro; cossa che a noi mai ne xe passa’ per la testa de reagir colla violenza col risultato che i nostri dirimpettai de oltreponte i gà avudo de parte nostra la più  completa tranquillità.

Più che una consolazion, sarìa giustizia che ne spetta.

                                                                                                                

Genova, 28 Ottobre 2004.

Per gentile concessione del "El Fiuman". NewPort. Australia.

 

 

B A S E           H O M E

 

SPAZIO  FIUME