STANICH

 

CIACOLADE  dalla  Fiume  attuale.

 

LA  STAFETA  PER  TITO

   

 

 

 

Tonin iera fissà con la politica ma, dopo che el partito  gaveva mandà a “studiar” a Goli Otok el suo amico Berto, el se gaveva calmà un poco. “Meo gaver due soldi de mona in scarsela” el se gaveva dito tra sé e sé, “meo far finta de no saver gnente, star calmi e siti, sopratuto siti e spetar che passi el temporal”. Cussì ghe gaveva consiglià anche el vecio Jacomo, che iera un comunista dela prima ora e che’l gaveva una grande esperiensa politica.
Chi ha orecchie per intendere intenda.

Jacomo nela sua vita le gaveva passade de tuti i colori, al confino soto el fassismo, nele brigate internassionali nela guera de Spagna, el iera sta perfin in Russia e el gaveva imparà a star al mondo, sensa comprometerse. Tonin ghe domandava, el voleva saver, ma Jacomo no’l parlava mai ciaro, no’l se comprometeva.
“Caro Tonin”, el ghe diseva, “chi sta al suto quando piovi, mus de mona se’l se movi. Se’l se movi e el se bagna, mus de mona se’l se lagna, chi ha orecchie per intendere, intenda!” Tonin intendeva ma el voleva saver qualcossa de più, e alora Jacomo ghe ga spiegà:

“Tonin, lori sa tuto, i vien a saver tuto, ti vedi quel grupo de tre omini che i parla tra de lori davanti de l’osteria? Ben, uno de quei tre xe una spia che riferissi tuto. Ti devi star ‘tento, mai esser in tre, perché xe matematico, un dei tre xe una spia, ti no ti sa chi, ma un dei tre riferirà tuto quel che dirè e anche de più! E alora ti sito, no ti devi dir una parola e gnanche scoresar, perché se ti scoresi, i riferirà che ti te ga cagà adosso.”.

Tonin gaveva fato tesoro de questi consigli e, de quela volta, se’l vedeva due omini, no’l ghe andava mai visin, perché, el diseva “alora saremo in tre e xe matematico, uno de noi tre xe la spia, o un de lori due o magari lori i pensa che son mi”. E anche per scoresar el stava ben ‘tento che no ghe fussi nissun visin, per paura che qualchedun vadi a riferir al referente politico che Tonin se ga cagà adosso.
Tre xe matematico

Xe passà un poco de tempo e Tonin se gaveva squasi convinto che ormai el peso iera passà e che a lui no ghe saria più sucesso gnente, quando che un giorno lo ga mandà a ciamar el referente politico. “Son fregà”, ga pensà Tonin, “qualchedun gavarà fato la spia e chissa cossa el gavarà contà su de mi, finirò anche mi a Goli Otok a farghe compagnia a Berto”. E, prima de andar dal referente, el ga saludà ben la moglie, el ghe ga fato racomandassioni de cossa che la devi far se lui no’l torna e el se ga fato prontar una valigeta con un per de camise e un cambio de biancheria, che no se sa mai cossa che pol suceder.

El referente lo spetava nel suo uficio e no’l pareva rabiado, ansi, quando che xe rivà Tonin, el ghe ga fato una bona acogliensa. “Caro Tonin”, el ghe ga dito, “compagno fedele, semo restai in pochi ma semo ancora i migliori. El partito ga bisogno de ti, xe un incarico de responsabilità e son sicuro che ti dimostrerà de esser all’altessa.”
“Come de sicuro ti savarà”, ga continuà el referente, “fra pochi giorni xe el compleano del nostro amato presidente, el compagno Tito e, per onorarlo, el partito, i rapresentanti dei lavoratori e le autorità citadine, ga organisà una stafeta per portarghe i auguri. La stafeta la partirà dai Giardini e, dopo gaver fato el giro dela cità, la riverà in Rena. La nostra sezion la gavarà el privilegio de portar la stafeta per l’ultimo toco de strada fina ala Rena, dove che vegnarà leto el messagio de auguri al microfono. Questo xe un grande onor e mi go pensà subito de darte l’incarico a ti che ti son un compagno fedele e afidabile.”

Tonin iera contento che no’l iera sta ciamà per qualcossa de grave, ma el iera anche preocupà per l’incarico de responsabilità “se qualcossa va mal”, el pensava,”stavolta i me frega”. Ancora un altro dubio ghe xe vignù e cussì el ga domandà: “Compagno referente, in quanti se cori per portar ‘sta stafeta?” “ Ma in grupi de tre, Tonin”, ga risposto el referente,”ti in meso, che ti porti el testimonio, dove che xe drento el messagio, e due babe, una per parte. Pensavo ala Lidia, che la xe atletica e ala Norma, che la xe un bel toco de baba e la fa bela figura. Ve vestirè con braghete e maia de ginastica bianche e con el fassoleto rosso, che xe el simbolo del nostro partito, al colo.

Tonin no gaveva gnente de dir sule due babe, ma un pensier lo tormentava, “saremo in tre e xe matematico, uno de noi tre xe la spia, mi no son e alora chi la xe, la Lidia o la Norma? Nel dubio xe meo esser prudenti, mi no dirò gnente, no parlerò.”Ghe dispiaseva però, perchè la Norma la iera veramente un bel toco de baba e saria stada una bona ocasion per conosserla meo e chi sa, forsi podeva nasser qualcossa. E se la xe ela la spia?

Prima de andar via, el referente ghe ga racomandà ancora: “Sta ‘tento, varda che el testimonio bisogna scambiarselo in corsa e guai se el te casca per tera. Quei che te lo consegnerà i xe de la sezion de Castagner e i xe gelosi che noi coremo per l’ultimo toco de strada e che legemo el messagio de auguri al microfono, no voleria che i te fassi qualche scherso, forsi xe meo che ti te aleni un poco.”

A casa lo spetava la moglie preocupada ma lui la ga subito tranquilisada: “Gnente de grave, ansi, el referente me ga dà un incarico de fiducia, devo portar la stafeta per el compleano de Tito in Rena e leger el messagio de auguri al microfono. Saremo in grupo mi, la Lidia e la Norma, ma el testimonio, dove che xe drento el messagio lo porterò mi.”

A sentir i nomi dele babe, la moglie la ga storto el muso. “Ti podevi proporme mi, invesse dela Norma, che con le tete e el cul che la ga, no so mi come che la farà a corer”, la ghe ga dito,”ciò, che no te vegni miga in testa de far el mona con ela perché varda che mi te lasso!”

Per Tonin questo no saria sta un grande dispiaser, ma no’l gaveva voia de far barufa e alora el ghe ga risposto che chi che doveva corer iera sta deciso del referente e che questo iera un incarico de responsabilità. No iera tempi de ris’ciar de far i moni con le babe e che anzi, lui gaveva intension de no parlar, de no dir gnente, perche no se sa mai, una dele due babe podeva esser una spia.

El giorno dopo, Tonin ga pensà che iera una bona roba alenarse un poco a ciapar el testimonio in corsa perché, se’l casca per tera, se fa veramente una bruta figura. El ga taià un toco de manigo de scova, per far finta che sia el testimonio, e el ghe ga domandà alla moglie de iutarlo. La moglie la ga protestà un poco, che no la ga tempo de perder con ste monade, che la devi andar in mercato, ma ala fine la ghe ga dito de sì, che la lo iuterà. I xe andai in campagneta de drio de la casa e i ga scomincià a far pratica. Tonin stava fermo a spetar e la moglie la coreva. Quando che la rivava visin, Tonin grampava la stafeta e el scominciava a corer. Parevo facile ma le prime volte, un poco per l’ecitassion, un poco perché la moglie la fasseva aposta, el testimonio el cascava per tera. Ma, dopo un poche de prove, Tonin ga capì el truco e ala fine el se sentiva sicuro.

E finalmente xe rivà el giorno del compleano. Fin dala matina la radio la trasmeteva musiche patriotiche e messagi de auguri. Sula strada, dove che stava Tonin, passava ciapi de gente che andava verso la Rena con bandiere e strissioni con sora scrito “Auguri al nostro amato presidente, compagno Tito” e “Cento di questi giorni all’eroe popolare della lotta di liberazione, maresciallo Tito” e altri ancora. Tonin gaveva apuntamento con la Lidia e la Norma ale undici ai giardini Valeria, visin el Canotagio.

El se ga prontà per tempo, con le braghete, la maieta de ginastica bianche e al colo el se ga messo el fassoleto rosso, come che ghe gaveva dito el referente. El se ga vardà in specio e el stava proprio ben. Anche la moglie la iera contenta e la ghe ga dito che la lo vegnerà a veder in Rena, ma che no’l staghi far el mona con la Norma. Tonin ghe ga risposto che la staghi tranquila e el se ga aviado verso el punto de ritrovo. Co’l xe rivà ai giardini Valeria, le due babe iera zà là a spetarlo, le ga viste de lontan, bele, tute vestite de bianco, col fazoleto rosso al colo che fasseva un bel contrasto.

La Lidia la iera alta, slanciata con un fisico atletico. La Norma, invese, la gaveva la maieta e le braghete che quasi le scopiava per tignir drento tuta la mercanzia che la gaveva e che la voleva far veder.“Speremo che no le scoppi, intanto che coremo”, ga pensà Tonin ma no ghe saria dispiasù per gnente de veder tuto quel che iera soto. “E se la xe ela la spia?”

Indiferente, Tonin ga saludà, serio, e come che el gaveva deciso, no’l ga dito più una parola. Le babe, in un primo momento le ga sercà de scherzar de butar le robe in rider. Specialmente la Norma, la ghe fasseva i complimenti perché el gaveva la gambe bele, muscolose, la ghe domandava se ghe piaseva la sua maieta e intanto la rideva e la tirava in fora el peto. A un certo punto, la ghe ga anche schizà de ocio, ma lui gnente, duro, sito, gnanche una parola el ga dito e ala fine anche ela la se ga stufà.

Co se fa i conti sensa l’oste

Iera più o meno una mesa ora che i spetava, quando se ga visto rivar dela riva el grupo de Castagner. Tonin ghe ga dito ale due babe de star pronte e anche lui el se ga messo in posission. Intanto el vardava, el sercava de capir chi che iera che portava el testimonio, ma el grupo iera ancora lontan e no’l lo vedeva ben. Quando che el xe rivà più visin, lo ga riconossù, iera el mulo Marieto de Castagner, quel che ghe fregava tute le s’cinche, quando che i iera fioi. El se ricordava che’l ghe gaveva fregà anche la più bela s’cinca ch’el gaveva; una marmaia che la valeva 12 colpi.

Tonin ga pensà: “Questo me vol fregar anche con la stafeta, ma mi sarò pronto e lo baterò sul tempo”. E cussì el ga fato. No’l ga spetà che Marieto ghe rivi visin, lui lo ga anticipà sul tempo, el ghe xe andà incontro, el ga grampà el testimonio e via de corsa verso la Rena, con le due babe che ghe correva drio. Tonin iera contento. “Anche questa la xe andada, adesso ancora un cento metri e semo rivadi, podarò leger el messagio al microfono, che onor!“

Ma el gaveva fato i conti sensa l’oste. Iera una scaleta per andar sul palco, dove che stava el referente politico e tute le autorità e dove che Tonin doveva leger el messagio al microfono. Solo che, co’ iera el socialismo, no se fasseva i scalini tuti precisi, iera libertà de costrussion, scalini bassi e alti, a piacere, nissun controlava. E un scalin più alto ga fregà Tonin. Lo ga urtà col pie e el xe andà zò come un perognoco, le due babe sora de lui e el testimonio xe svolà in alto sul palco. Quei che iera vignudi a manifestar i rideva come mati e le robe saria finide veramente in vaca se el referente no fussi sta pronto a ricuperar el testimonio e a leger lui el messagio de auguri.

De quela volta a Tonin no i ghe ga dà più incarichi de responsabilità e ogni ano, quando che iera el compleano de Tito, lui el iera esentà de partecipar ale manifestazioni, ansi el gaveva l’ordine tassativo de no moverse de casa per no far altri dani.

 

La Voce del Popolo 03/07/10 Ciacolade - La stafeta per Tito, di Roberto Stanich.  A cura di Roberto Palisca.

 

BASE        HOME