ROBERTO  RABINI

 
 

 

 

AUTUNNALI   2.

 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

L' OMBRA

 

 

Risalgo

l'erta

della collina.

L'ombra

mi precede

fin sull'orlo

della rupe,

e scompare

perdendosi 

in essa,

lasciando 

allo sguardo

il bianco

assoluto

dell'orizzonte.

E rimango

solo.

 

 

 

LA FOCE

 

 

La foce mi accoglie

nell'alveo

appiattito

dal limo coprente

memorie.

Qui la corrente

si placa

e rallenta

il costante fluire

del bonario

destino.

Il mare aspetta...

ma solo un po'.

 

 

 

COLLEGIO DI GUALDO

 

 

Cortile senz'ombra

duro di terra dura,

estraneo

buio chiostro

con preti volanti

e tonache fruscianti,

aliti leggeri

di profumi falsi.

Guardo smarrito

lassù

al muro di pietra

che tocca il cielo.

 

 

 

FELICITAS

 

 

Ascolto

le voci degli avi

piceni

o galli

o giudei marrani

od illirici

schiavi

salire dal tufo

di grotte profonde.

Voci incitanti

da stenti lontani:

Prendila...prendila...

prendila per la coda...

Ansioso

protendo la mano.

Mi rimane tra le dita

un'invisibile piuma.

 

 

 

 

A  DIO

 

 

Mi riconoscerai

tra

le maschere.

Non avrò maschera

ed avrò

paura.

 

 

 

 

DUBBI

 

 

Sento i passi del tempo

e il cigolante carico

dei miei dubbi.

Chi nasconde i pertugi

oltre i quali la mente

s'acquieta?

Anche il vento

a mezzogiorno si placa,

ma io...

sono a sera.

 

 

 

 

HIC SUM

 

 

Io sono qui

dove

infinite forme

nascono

da colori

generanti 

forme infinite.

Io sono qui

dove

il pensiero

si perde nel mistero

di Colui

che non ha forma.

Io sono qui.

 

 

 

 

Autunnali  1.

 

BASE          HOME

 

F  I  N  E