HomeFilosofiaLetteraturaPoesiaBambiniGiochiInformazioniSpazio libero

 
  

Robert  Gittings

 
  

 

 

Selected Poems of Keats

 
 
 

 

 

In questa selezione i componimenti poetici sono disposti, per quanto possibile, nell'ordine nel quale furono scritti.  

 

Published by Heinemann Educational Books Ltd. 48 Charles Street, London W1X 8AH. First published 1966. Reprinted 1968, 1970, 1972.

 

 

 
 

 

JOHN KEATS   1795  -  1821

 

 

I.  Stavo furtivo su una collinetta 

II.  Un primo sguardo sull'"Omero" di Chapman

III.  Sapori intensi e incostanti

IV.  Ai miei fratelli

V.  A Haydon

VI.  Sul grillo e la locusta

VII.  Sul mare

VIII.  Al gatto di Donna Reynolds

IX.  Sedendo ancora a leggere il Re Lear

X.  Quand'io temo

XI.  Versi sulla taverna della sirena

XII.  La vecchia Meg

XIII.  Ode.  Cantori di passione e gaiezza

XIV.  Fantasia

XV.  La vigilia di San Marco

XVI.  Su un sogno

XVII.  La Belle Dame sans Merci

XVIII.  Ode a Psiche

XIX.  Ode all' Indolenza

XX. Ode a un usignolo

XXI.  Ode su un'urna greca

XXII.  Ode sulla malinconia

 

Traduzioni di Rigo Camerano. 1980.

Revisione: 2002.

 

Le seguenti traduzioni sono un retaggio delle lezioni di lingua e letteratura inglese impartite nell'Università di Lecce dalla prof. Ada Ingrosso Giaccari, una venticinquina di anni fa. Rammento che, al tempo, ero un anziano "lavoratore-studente", pendolare da Taranto, in accordo con i docenti per svolgere in due anni il programma di uno, cosa che non mi impedì di laurearmi con 110/110. Scrivo questo scientemente, ma non superficialmente, per vanità. Vorrei soltanto dire, con buona fede,  che i lavoratori sono sostenuti, in toto, solo fin che rimangono tali, a far da piedistallo.  In realtà, è difficile, ancor oggi, che li si riconosca come "persone", almeno nel campo intellettuale.

 

Le composizioni sono raccolte in originale nel  citato testo di Robert Gittings.

La traduzioni successive a quelle prescritte dal programma d'insegnamento, che comprendono anche numerose lettere di Keats, furono eseguite più tardi e raccolte in un dattiloscritto di 170 pagine, che reca la data: aprile 1980.

Come è stato annotato in calce alle "Novelle" di Leonardo da Vinci (vedi in "letteratura") la cultura dei siti internet esprime una sua propria natura, un suo carattere particolare che non è facile definire.  Non si assimila; nè alla cultura specialistica, nè a quella divulgativa, non alla cultura universitaria, nè a quella giornalistica o comunque libraria. 

Personalmente ritengo che la cultura dei siti internet (dei siti non commerciali), possa comunque fondersi a realizzare un completamento, una utile funzione di "panorama" recante la capacità di vedere più avanti e lontano; più rapidamente di certo.

________

 Torna all'indice inglese

 

 
 
 
 

HomeFilosofiaLetteraturaPoesiaBambiniGiochiInformazioniSpazio libero