G, A.  GROHOVAZ 

 

Ritorno  col  pensier

 

 

 

Una bava de ponente sfiora el legno

mentre 'na vela se alontana al largo

afonda i remi con 'na voja matta

lassando a poppa la laguna amena.

Voga, sfida el golfo, taja l'onda

torna per mar a la perduda sponda!

 

E quando el promontor gira a la larga

e scoi, e spiage vedo su la costa,

so ch'el Quarnero non xe pił lontan

ecco! Quasi serado de le lunghe rocce

coverte de oliva e mus-cio e vigna

e poi, son in mezo al mar che tanto sogno!

Quanto salada xe l'acqua del mio mar,

quanto sudor e quanti pianti in cor...

Drio de Mos-ciena el sol ormai tramonta

de rosso el ciel se tinge, el mar se indora

... passo Medea che una campana sona

sento de Ica, un'altra ghe risponde...

Fila la barca da una baja a l'altra

passa Laurana dal profumo intenso

passa Abazia regina del Quarner,,,

Volosca, e de Preluca el monte e el pian

... l'ultimo scojo mentre el zel se oscura

e mile luci vedo su la sponda...

 

Una bava de orgoglio qua sul peto

de questo prodigo tuo fio derelito

che stanco dell'esilio e el pan amaro

xe ritornado per basar la tera...

Son tornado per portarte a Fiume

tuto l'amaro del mio esilio infame!

 

Le foto mostrano una imbarcazione nel Quarnaro e Rovigno vista dal mare.

 

B A S E                    H O M R