GIULIO  SCALA

 

 
  

Ciacolade dei tempi de una volta

 

Ricordi de un balilla

 

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 

 

Me xe vin¨ in amente che noi gavevimo (avevamo) in quartiŔr (nel nostro appartamento) a Fiume, in via Giotto n. 4, in cant˛n con la via Bonar˛ti, un Óndito assai lungo, anche con i palcheti, che, de la porta de entrata fin in cusina, era tanti metri.

 

Quando che la mia mama, qualche volta in cusina, de sera, la me diseva "Giulieto, va in camara de leto a ci˛rme (prendermi) un sugamÓn.

Sto lungo coridojo el era scuro e el interut˛r de la luce (quei de porcelana, che se girava) era solo uno, tacado de la porta de entrata.

Mi - quela volta, che ero pisdrul (piccolo di statura e di etÓ) - (non so voi) gavevo una maledeta paura del scuro (gavevo paura de tante robe, specialmente dopo che la mia mama (incosciente) la me gaveva portado in teatro Fenice a veder la pelicola "La Mumia" col Boris Karloff).

Alora, ogni volta che me tocava (con la mia mama era sempre obedienza cieca, pronta e assoluta) andar in scuro per sto lungo Óndito, me tremava i zin˛ci (ginocchi). Mi alora (giÓ quela volta ero bastanza inteligente) gavevo trovado la soluzi˛n: Senza gaver gnanche ombra de Sigmund Freud o del "AutogenesTraining"(auto - suggestione) mi me disevo...

"Giulieto, ti ti son un balilla, e un balilla no'l ga mai paura de gnente..." E alora, a testa alta, marciavo per sto coridojo, come fussi gnente.

 

 
 

 
 

 

E dopo i disi che el Fassismo no'l ne gaveva imparado gnente. 

Adio muli (ragazzi), me racomando, in scuro, ste atenti ai cant˛ni.

Giulio Scala

 

__________

 

Una disavventura al telefono

La Tore de Babele

Ricordi canadesi e quarnerini

Ricordi de un balilla

 

BASE       HOME