Ricordi canadesi e quarnerini

 
 
 

 

 
 

 

 

 

 

L'ultima volta mi ghe contavo (raccontavo) de quando che co la nave "Irpinia", nel inverno del 1959, sbarcavimo profughi a Halifax. 

De estate, invece, andavimo (sempre con profughi de tuta Europa a bordo), a Montreal.

Sta nave Irpinia la era una bela barca, per˛ un poco veciota. La era la ex "Campana" (con l'accento su la ultima "a") della C.N.M. (Compagnie de Navigation Maritime) francese. I la gaveva apunto venduda perchŔ la era bastanza vecia. 

Dopo, come che go giÓ scrito, la "Flotta Grimaldi" i gaveva rinovado sta nave e i ghe gaveva messo suso una bela ciminiera nova, de color blu, e la faceva anche crociere.

Ma quela volta, nel 1959, la era ancora el piroscafo original, con due camini alti e due alberi, come i lo gaveva costruido nel 1929 nei Cantieri Swan, Hunter's Tyneside, in Inghiltera.

 

Un viagio, semo partidi de Montreal che era giÓ verso la fin de l'estate e sul St. Lawrence scominziava giÓ a formarse lastre de jazo (ghiaccio). Me ricordo che i gaveva giÓ cavado tute le boe (anche luminose, de note) che le segnalava la rota navigabile (indove che non era secche e banchi de sabia) su sto fiume che in quei ani, de inverno apunto, el se jazava tuto, e ste boe, se no i le cavava, le saria stade mastruzade (schiacciate) dal jazo.

Sti lastroni de jazo i era giÓ bastanza grandi e el piloto (sul St. Lawrence bisognava sempre navigar con el piloto a bordo) el era piutosto preocupado perchŔ el diseva che molti de sti lastroni de jazo i gaveva i bordi afiladi e tajenti come cortei, e sicome sta nave anche de prua (o "de prova" come disevimo noi maritimi) la era bastanza rusine (arrugginita), era pericoloso che magari, senza saver lezer nŔ scriver, come che la diseva la mia mama bonanima, incuzemo (imbrocchiamo) una de ste lastre che le galegiava soto el pelo de l'aqua, che la gavaria taiado la paratia de prua, verzendola (aprendola) come una scatoleta de sardine.

Se se ricordŔ come, nel 1956 la prua rompighiaccio de la "Stockholm", vizin dei  scoj (scogli) de Nantucket, davanti de Nova York, la gaveva verto la fiancada de la nostra "Andrea Doria".

Alora el Nostromo de la "Irpinia" (el nostromo el xe la persona pi¨ importante a bordo dopo del Comandante) che el se ciamava Petranich e che el era de Lussingrande, el ga mandado un due marineri ("un due" leggi: un po' di marinai - non molti - ) soto la prua con una xaja (una gran quantitÓ: la "x" si pronuncia come la "s" di "Asiago. La "j" (i lunga) veneta si legge come la "i" italiana, non alla francese, o all'inglese) de sacchi de cimento, e i te ga cementado de drento la prua del piroscafo, che la xe diventada stagna come la prua del rompighiaccio sovietico "Vladimir Ilijch Lenin" che el navigava intorno del Polo Nord e che la podeva sopportar qualsiasi scontro con un iceberg. AltrochŔ "Titanic"!

Che bravi marineri che i xe sti Lussignani!

 

Parlando de Lussin, dei nostri piroscafi de quela volta e de le nostre bele isole, quando che mi ero picio andavimo, qualche ano, come che se usava quela volta inte le familje "perbene" de Fiume, in vilegiatura a Cherso.

Mi me ricordo che el mar era limpido e ciaro, e che se andava in aqua, z˛ (gi¨) de la riva, con due o tre scalini.

Famosi i era a Cherso i buzolÓi (dolci locali), fati col miel, e i fighi, neri de fori e rossi sugosi de drento.

Quel che non mancava a Cherso era i musatti (per i non addetti ai lavori e per la mularia = zanzare). Per non morir dissanguadi, de note in cÓmara impizavimo (accendevamo) i "zampironi" a forma de piramide, che i fazeva una fumera che se un no'l moriva dissanguado, el crepava sofigado.

Comunque, erimo anche contenti  quando che, finide le vacanze, tornavimo col vapor de la SocietÓ Fiumana di Navigazione a Fiume, indove che non gavevimo buzolai, ma gnanche musatti.

Giulio Scala

 

Da: "El Boletin" Periodico informativo del Club Giuliano-Dalmato di Toronto. n. 110 (1░ giugno 2002).

http://www.giulianodalmato.com/

__________

 

Una disavventura al telefono

La Tore de Babele

Ricordi canadesi e quarnerini

Ricordi de un balilla

 

 

BASE       HOME