GIULIO  SCALA

 
 
  

Ciacolade dei tempi de una volta

 

Una disavventura al telefono

 
 
 

 

 

 

 

 

 

Ogi, anno del Signore 2002, la mularýa (i ragazzi) i ga tuti impianti stŔreo de sbregÓrse (lacerarsi) le orŔce, audio e video, che le xe (la "x" veneziana si pronuncia come la "s" italiana nelle parole "esodo, esule", e simili) tute robe de uso corŔnte. Se vardemo indrýo a la nostra infanzia, a Fiume, i tempi i era - come dýr - assai pi¨ modesti. Mi, de pýcio, me giogÓvo coi rochŔi svodi del filo, che la mia mama, essa la doprava per cusýr co la "Singer" e el unico giogÓtolo "de lusso" era i soldatini, che mi fazevo batalie de ore e ore, pertera in cusina. Noi erimo assai meno smaliziadi dei muli (ragazzi) de ogi. E - forse - (almeno mi) un poco pi¨ 'indrio cole carte. VolŔ che ve conto una?

Nel 1936 o '37, a Fiume, la mia mama, che essa la era levatrice, la gaveva fato mŔter in quartiŔr el telefono. Quela volta el telefono el era ancora per noi la meravilia del secolo ventesimo. No'l era automatico e se doveva ogni volta domandarghe el numero ala signorina del centralýn. Noi gavevimo - me ricordo ancora - el 13.71.

Alora, un giorno i xe vegnudi a mŔter sto telefono, che el era una cassetina de legno tacada sul muro inte el corid˛io che se parlava drento del microfono de bachelite nera sul davanti de sta cassetina, e per scoltÓr, se doveva ci˛r (prendere) el "orechiante" che el era impicado (appeso) sula cassetina de una parte con un cord˛n fodrado de seda nera. Bon, el giorno che i ne ga messo el telefono, la mia mama, essa la megaveva deto "...GiuliŔto, bisogna che provŔmo se el funziona ben...mi devo andÓr adesso de la Meri (che el suo marito, Amato Fumi el gaveva magasýn de pit¨re in Via Carducci, visavý (di fronte) de la Provincia)... e driomÓn (giÓ, nel mentre) che son lÓ, te telefono: sta atŔnto, quando che s˛na la campanela (veramente su la cassetina era due le campanele)...ti, ti ciapi el scagnŔto (piccolo sgabello) (mi ero pisdr¨l) (piccolo, sia di etÓ che di statura) e ti se meti el orechiante su la orŔcia...╗.

Questo essa la me gaveva deto. Dopo una meza ora, el telefono sona. Mi - sempre ubidiente - monto sul scagneto e me meto sto "rochŔl" sula orŔcia. E te sento la mama che la disi "pronti, pronti, pronti." Tuto contento, scoltavo sta voce che la vegniva fori de sto rochŔl, sicome che dopo, sentivo che la mama, la scominziava a zigÓr, (gridare) alora go impicado pulito (bene, in modo corretto) dinovo el oreciante sul ganzo.

Dopo un poco, la te cÓpita e la taca a zigarme come una mata, tuta rabiada, perchÚ che mi non gavevo deto gnente drento nel telefono, che essa la pensava che xe successo qualcosa, e che mi son sempre un t¨nbalo, (zuccone) un mulo malignaso e selvÓdigo e via cussý. E, me ricordo che - ecezionalmente - non la me gaveva gnanche molado una papýna (schiaffa educativa). Mi me ricordo assai ben che mi ero pýcio, ma che me ero assai ofŔso e che ghe go deto che mi dovevo montÓr sul scagneto e distacÓr quela roba per scoltÓr nela orŔcia, ma nissun me gaveva deto che mi dovevo anche parlar drento in sto telefono.

Tempo fa ghe contavo sta storia a la mia moglie e essa la me ga deto che mi dovarýa scriverla. Per finýr la storia del telefono, quando che son diventado un poco pi¨ grande, go dopo sav¨do che i nostri conossenti e amici i se gaveva fato un fotýo de ridade su le mie risposte al telefono. Sic˛me che, quando che incontravimo qualched¨n, tuti i diseva che questo (mi) xe el pýcio de la signora Scala, alora regolarmente, quando che sonava el telefono, mi montavo sul scagneto e disevo "pronti, qua xe el pýcio de la signora Scala..."

D'altra parte, se volemo, xe bel ricordarse come che noi erimo ingenui e ancora crat¨re, a una etÓ che ogi i fioi i sa giÓ tuto o squasi. Ogi i muleti i va soli del barbiŔr e dal dentista. Del barbier, a Fiume, mi andavo sempre del Virtich, el "rosso" (de cavei) in BelvedŔr, dal Giro de Belveder verso el Seminario, su la destra, visavý (dirimpetto) de le Case Nove (Bonaroti 41 - 43) dopo del Mercato. La mia mama, essa la ghe diseva sempre de tajarme i cavei curti "Ó la umberta" (cussý ciamadi da la petinatura del Re Umberto di Savoja) che cussý i cresseva bei sani.

Mi invece gaverýa voludo gaver i cavei "Ó la mascagna" che sarýa un poco lunghi, petinadi indrýo, petinatura e tajo che vegniva dal Grande Maestro e Compositore Pietro Mascagni (quel dela Cavalerýa Rusticana) che lui el portava quela volta i cavei cussý. Con mia grande tristeza e infelicitÓ el Giusto Virtich el me tajava i cavei de parte, sora de le orŔce, cola machinŔta, a zero, che mi parevo un nobile prussian, ufiziÓl de cavaleria. De estate, era usanza de andÓr in bagno "ciscalo" (calvo), perchÚ i diseva che rinforzÓva i cavei e el cuoio capeluto. Mi non so se era vero, ma ogi, a la mia etÓ, go solo un bic' de cýrica, ma i cavei no'i me manca.

Un altro dei sistemi patent de la mia mama era quel che, sicome che mi de pýcio gavevo le orŔce un poco (un poco tanto) "a sventola" (tipo el Cardinal Glemp de Varsavia, tanto per capirse) essa la me tacava le orŔce col tacamaco, che sarýa in italian el cerotto, e a mi me tocava - povara cratura - andar in giro cussý con sti tacamachi. Anche qua, devo proprio dýr che el risultato el xe che ogi mi non go pi¨ le orŔce a vela.

E - per esser sincero - quando che vardo su la televisi˛n el Cardinal Glemp, penso, co rispeto parlando, che forse non sarýa stado mÓl, se la mama sua (polÓca) la ghe gavarýa messo anche a lui i tacamachi sule orŔce. Alora, me racomando i tacamachi. Ve saluda, per ogi el vostro

                                 Giulio Scala

 

"Traduzioni" di nostra Redazione.

__________

 

Una disavventura al telefono

La Tore de Babele

Ricordi canadesi e quarnerini

Ricordi de un balilla

 

B A S E       HOME